Fai del BENE a te, sostenendo la RICERCA. Aiuta Avis e Lilt.

schermata-2016-10-14-alle-12-36-58

 

Anche a Novembre…

Fai del #BENE a te, sostenendo la #RICERCA.

La Casa Di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso, collabora con Avis Regionale Veneto e LILT ONLUS Treviso nella campagna di Informazione e Prevenzione al carcinoma mammario. Donerà inoltre, in parti uguali, parte della somma versata per tutte le mammografie prenotate in ottobre e novembre.

A promozione di questa iniziativa è nato uno spot radiofonico, in onda in questi giorni in una nota emittente del triveneto ed ascoltabile dal sito di Avis Veneto.

Per ascoltare lo spot: http://www.avisveneto.it/…/spot-radio-avis-veneto-nel-rapp…/

Con la #PREVENZIONE il tumore si VINCE

Prenota una MAMMOGRAFIA 3D su:

http://www.giovanni23.it/previeni/percorso-donna/
o telefonicamente allo 0422.896710

Innovazioni tecnologiche per una diagnosi preventiva – Giovanni XXIII – InFORMA

“Vedere il nemico per sconfiggerlo”. Grazie a molte innovazioni teconologiche  è possibile oggi effettuare  una diagnosi preventiva. Ce ne parla il Dott. Di Toma, Radiologo e responsabile del Servizio di Diagnostica per immagini della Casa di Cura Giovanni XXIII. In particolare, spiegherà nel video, il funzionamento del Mammografo con Tomosintesi in 3D, recentemente acquistato dalla struttura.

Accettare cookie per vedere il contenuto

 

Prenota una mammografia 3D compilando questo FORM

Benessere fisico e psicologico, sociale ed emotivo degli iscritti, le finalità dei nuovi Corsi dell’Associazione Germogli

L’associazione Germogli, associazione culturale senza finalità di lucro, promuove corsi rivolti ad adulti ed bambini. Tra i suoi scopi ha la promozione del benessere fisico e psicologico, sociale ed emotivo degli iscritti, la crescita culturale ed etica giovanile e non. Tutti i corsi organizzati dall’ Associazione Germogli si terranno presso i locali del Centro Servizi agli anzianiVilla delle Magnolie” ed il MicronidoLa Casa sull’Albero” di Monastier di Treviso (TV), via Giovanni XXIII, 9.

La Psicomotricità Relazionale:

con Raffaella* – Bambini/e 4-7 anni

La psicomotricità, educativa è un’ attività di gioco libero con cerchi, corde, palle,
bastoni e stoffe, che permette ai bambini di esprimere il proprio mondo interiore e li aiuta
nell’evoluzione e sviluppo della loro identità individuale. L’attività psicomotoria viene svolta in piccolo gruppo, oppure su richiesta *singolarmente.
Raffaella Avanzi, laureata in Scienze dell’Educazione e
specializzata in Psicomotricità di tipo Analitico-Relazionale.

Arteterapia Postparto,

Con Laura* – Donne in gravidanza

Il progetto si rivolge ad un gruppo di mamme che vivono il delicato periodo del post parto. E’ uno spazio sicuro e protetto di condivisione, di assoluto non giudizio, dove ogni donna potrà essere libera di esprimere se stessa, il proprio sentire attraverso: disegno, pittura, scultura, fotografia, collage…sarà un‘occasione per trovare un sostegno emotivo e ristabilire il proprio benessere psicofisico. Si può scegliere se venire sole o accompagnate dai propri bimbi.
Il percorso durerà 12 incontri con cadenza settimanale

*Laura Bot, diplomata al liceo artistico e all’Accademia di Belle Arti di Venezia.

Shiatsu in Gravidanza

con Laura* – Donne in gravidanza
Durante la maternità, lo Shiatsu è una disciplina particolarmente adatta ad accompagnare la donna nei profondi cambiamenti ed adattamenti fisici ed emotivi che si verificano nel periodo della gravidanza e del post-parto.
*Barbara Farina, Presidente Associazione Sorgente Morgano.

Lo Shiatsu

Responsabile Barbara Farina con Accademia Shiatsu-Do* Adulti e anziani

Lo Shiatsu ha avuto origine nell’ambito della cultura orientale antica ed il riconoscimento e sviluppo sono avvenuti in Giappone a partire dagli anni ‘20. E’ considerata una disciplina evolutiva la cui essenza si esprime attraverso la “pressione”, che produce uno stimolo a cui l’organismo della persona trattata risponde, recuperando e manifestando le proprie risorse vitali. Trattamenti individuali

*Barbara Farina, Presidente Associazione Sorgente Morgano.

La Ginnastica Dolce

con Nicolò* – Adulti e anziani

attraverso esercizi mirati e specifici, riduce e previene dolori di origine muscolare ed articolare causati dall’ avanzamento dell’età, da una vita sedentaria, da sforzi bruschi o posizioni errate. Aiuta a migliorare l’elasticità muscolare, l’articolarità, la coordinazione, la respirazione, il tono muscolare ed è consigliata a chi necessita di un’attività ginnica completa e non traumatica. Dona un benessere generale a tutto il corpo.
*Nicolò Marangon, laureato in Fisioterapia e perfezionatosi in riabilitazione posturale.

Corso di Inglese:

con Franca* – Bambini/e 6-10 anni
con Valerie * – Bambini/e 3-5 anni

Il corso di inglese per bambini insegna la lingua inglese divertendosi attraverso canzoni, giochi e simpatiche immagini! Questo metodo li aiuterà a comunicare e familiarizzare con questa lingua in un ambiente divertente e non scolastico. I bambini saranno stimolati all’ascolto, dialogo e comunicazione.

*Franca Ryan, insegnante bilingue con esperienza pluriennale in
Italia ed in Inghilterra nell’insegnamento dell’inglese.
*Valerie Torres, insegnante madrelingua con esperienza pluriennale.

Apprendere Attivamente

Con Senia*- Bambini/e ragazzi/e 5-18 anni

È un progetto ricreativo ed educativo che offre un
sostegno ai bambini ed ai ragazzi “in difficoltà con
la scuola” attivando percorsi personalizzati,
sviluppati singolarmente od in piccolo gruppo, in
un’ottica di prevenzione dei disagi psicologici
legati all’insuccesso scolastico.
*Senia Pagotto, laureata in Psicologa dello Sviluppo e
perfezionatasi in Psicologia dell’Apprendimento.

Corso di Spagnolo

con Maria* – Bambini/e 3-6 anni
e bambini/e 6-10 anni

Il corso di spagnolo per bambini insegna la lingua
spagnola divertendosi attraverso canzoni, giochi e
simpatiche immagini! Questo metodo li aiuterà a
comunicare e familiarizzare con questa lingua in un
ambiente divertente e non scolastico. I bambini
saranno stimolati all’ascolto, dialogo e comunicazione.
*Maria Garrocho Serrano, madrelingua, ha insegnato spagnolo a
bambini stranieri in Spagna.

Percorso d’Arte,

con Laura* – Bambini/e ragazzi/e 6-13 anni

I bambini saranno accompagnati alla scoperta
dell’arte a 360 gradi. Esploreranno e faranno
esperienza delle piu’ importanti correnti artistiche
del ‘900. Ad ogni incontro verrà creata
un‘originale opera d’arte e a seconda della
corrente artistica saranno utilizzate le tecniche ed
i materiali che la rappresentano.
*Laura Bot, diplomata al liceo artistico e all’Accademia di
Belle Arti di Venezia.

Corso di Teatro,

con Silvia* – Bambini/e ragazzi/e 6-18 anni

Il teatro è un’attività in grado di coinvolgere i
ragazzi, sia come attori che come spettatori,
aprendo loro una finestra su un mondo ricco di
espressività, di emozioni e di creatività. Il corso
avvicinerà i ragazzi alle tecniche del teatro, per
offrire loro strumenti utili nella relazione e nella
scoperta di sé, delle proprie emozioni e
potenzialità espressive.

*Silvia Busato, attrice professionista, regista, diplomata
counsellor.

Informatica,

con Enrico* – Adulti e anziani

Imparare ad usare il computer può essere
semplice e divertente se imparato in allegria!
Enrico insegnerà ad adulti e anziani ad utilizzare il
computer per poter imparare a compiere in
autonomia le attività di base che oggi possono
arricchire e semplificare la vita…! Come l’uso della
posta elettronica, la scrittura di testi, la
navigazione in internet e la scoperta dei siti web.
Sarà attivato il corso base e intermedio.
* Enrico Martin, laureato in informatica.

Corso di Inglese,

con Diana* – Adulti e anziani

Diana, insegnante madrelingua, ti insegna
l’inglese in un’atmosfera di rilassata simpatia!
Sia che tu non abbia mai studiato inglese, sia che
tu lo conosca già, puoi iniziare a frequentare il
corso del livello più adatto a te. Le lezioni si
svolgono in piccoli gruppi di circa 6-8 persone, per
facilitare l’apprendimento, con cadenza
settimanale.

Corsi base, intermedio e avanzato.

*Diana Corona, insegnante madrelingua, abilitata
all’insegnamento della lingua inglese a Toronto, Canada

Riflessologia Plantare,

 

con Michela* – Adulti e anziani

La Riflessologia plantare è una tecnica antica
non invasiva, che si pratica con un massaggio
dolce del piede ed è finalizzata al recupero ed al
mantenimento dell’equilibrio energetico.
Trattamenti individuali.

*Michela Marcuzzi, diplomata F.I.R.P.

PER INFORMAZIONI

contatta i seguenti numeri, la mattina:
corsi per bambini 0422896576; corsi per adulti e anziani 0422896489.
Tutti i corsi organizzati dall’ Associazione Germogli si terranno presso i locali del Centro
Servizi agli anziani “Villa delle Magnolie” ed il Micronido “La Casa sull’Albero” di
Monastier di Treviso (TV), via Giovanni XXIII, 9

26 Ottobre 2016 | PREVENZIONE e DIAGNOSI PRECOCE – Casa di Cura e Centro Marca Banca

26-10-2016-incontri-casa-di-cura-giovanni-xxiii_a3_4-1

 

Mercoledi 26 Ottobre alle ore 18.oo il Dott. Francesco di Toma, responsabile del Servizio di Diagnostica per immagini della Casa di Cura Giovanni XXIII parlerà presso la sala meeting del centro direzionale di Centro Marca Banca a Treviso.

 

La conferenza dal titolo ” Prevenzione e Diagnosi precoce nella patologia mammaria e del colon retto ” sarà aperta a tutti.

Al termine della serata ci sarà un brindisi con tutti gli intervenuti.

 

Da quanto tempo non fai un Check UP? | #PREVIENI

Check Up words on a calender written by red pen or marker to remind you of an exam, test or medical doctor appointment on your schedule

Ogni quanto tempo fai dei controlli sul tuo stato di salute?

I giovani sono meno assidui degli adulti, le donne lo sono invece più degli uomini. Ma superata la soglia degli anta tutti dovrebbero programmare un check-up completo. Ecco quali esami fare e quando farli.

Un italiano su quattro ogni sei mesi si concede un check-up completo. Un numero soddisfacente, nonostante sia affiancato da un ulteriore 18% della popolazione che, invece, non prevede nemmeno un esame del sangue nell’arco di due anni.

Inutile dirlo, i giovani popolano questa ultima fetta di campione. I controlli periodici, semplici e veloci, diventano indispensabili dopo i 40 anni.
Ecco, dunque, quali esami sono più indicati sia per le donne che per gli uomini:

Esami del sangue:

dovrebbero contenere tutte le informazioni sulla funzionalità epatica e renale, sull’apparato cardiovascolare, sulla eventuale presenza di infiammazioni. Quindi è opportuno, ad esempio che l’esame preveda il dosaggio di: Transaminasi, Protidogramma con Proteine totali, Bilirubina Totale e frazionata, Uricemia, Azotemia, Creatininemia, Emocromo con Formula leucocitaria e piastrine, VES, Colesterolo totale, Colesterolo HDL e LDL, Trigliceridi, Glicemia e Sideremia, esame delle urine.
Opportuno è controllare la funzionalità della tiroide (fT3, FT4, TSH).
Frequenza: annuale

Colon-retto

Superati i 50 anni, occorre sottoporsi al test del sangue occulto nelle feci. Un test semplice e indolore che però permette di accertare se vi è una eventuale presenza di sangue. Se il test è positivo è consigliato sottoporsi ad una colonscopia per poter osservare internamente l’intestino e poter verificare la presenza o meno di polipi ed eventualmente eliminarli in quello stesso momento.
Frequenza: ogni due anni tra i 50 e i 70 anni.

Prostata

Per l’uomo che ha superato i 40 anni è consigliato controllare la prostata: il dosaggio del Psa, da effettuare con semplice prelievo di sangue, permette di monitorare i valori dell’antigene prostatico.
Frequenza: annuale

Seno

A tutte le età è consigliata l’auto-palpazione della mammella. Da fare autonomamente ogni due mesi.
Oltre a ciò è bene prevedere una Ecografia mammaria, ogni anno fino ai 40 anni e una Mammografia, ogni due anni, per le donne tra i 50 e i 69 anni.

Cervice uterina

In Italia 3.500 donne ogni anno sono colpite dal cancro alla cervice uterina. Il responsabile è il Papillomavirus umano (HPV). Sono indicati, dunque, Pap test e Hpv Test.
Frequenza: ogni due anni.

Nei

Con la diagnosi precoce la probabilità di combattere i tumori maligni della pelle aumentano del 90%. Ecco perché eseguire un controllo periodico permette di fare ottima prevenzione. Basterà eseguire regolarmente l’auto-esame attraverso la regola dell’Abcde e se dovessero nascere dei dubbi, richiedere un consulto per ottenere l’esame dermoscopico. Gli uomini con più di 50 anni, con fattori di rischio come la familiarità, il fototipo chiaro, capelli biondi o rossi, occhi azzurri o verdi dovrebbero prestare ancora più attenzione degli altri.
Frequenza: annuale

Cuore

Uomini e donne dopo i 40 anni dovrebbero sottoporsi regolarmente ad una visita cardiologica. Un elettrocardiogramma, veloce e non invasivo, o un ecocardiogramma permettono di controllare lo stato di salute del cuore.
Frequenza: annuale
A casa, in farmacia o dal medico di base è opportuno controllare mensilmente la pressione arteriosa.

Normali controlli dovrebbero riguardare anche i denti e gli occhi. Nel primo caso controlli semestrali per l’igiene e annuali per la salute generale della bocca, nel secondo caso in assenza di disturbi un controllo di routine annuale.

L’ultima raccomandazione va ai fumatori: oltre alla necessità improrogabile dello smettere di fumare, è bene che ci si sottoponga a esami per monitorare lo stato di salute dei polmoni. Come è noto il fumo di sigaretta costituisce un fattore di altissimo rischio per l’insorgenza di tumori.

Il primo passo per la prevenzione del carcinoma alla mammella? L’autopalpazione del seno

A cosa serve e come si fa l’autopalpazione del seno?

L’autopalpazione del seno permette la conoscenza approfondita della normale struttura del seno permettendo alla donna di scoprire tempestivamente eventuali modificazioni e anomalie.

Com’è fatta una mammella?
La mammella è costituita da ghiandole, dotti, tessuto grasso e muscolare. Contiene un numero variabile di dotti secretori di latte che confluiscono nel capezzolo e sono responsabili della produzione del latte materno.
Sappiamo che, dividendo il seno in quattro parti (quadranti), la maggior quantità di dotti è localizzata nel QSE (quadrante superiore esterno) della mammella quello prossimo all’ascella. È in questa localizzazione che si trova la maggior percentuale di tumori maligni della mammella (circa il 50%). Nel QSI (quadrante superiore interno) circa il 15%, nel QIE (quadrante inferiore esterno) circa l’11% mentre nel QII (quadrante inferiore interno) solo il 6%.

Iniziare da giovani

Società mediche nazionali ed internazionali raccomandano che si inizi con l’autopalpazione del seno a partire dai 20 anni di età. È dimostrato che 1 donna su 10 potrebbe essere affetta da cancro alla mammella durante la sua vita, la frequenza aumenta tra i 40 e i 65 anni. Il 95% dei casi di carcinoma mammario può essere guarito se diagnosticato precocemente.

Quando farla?

L’autopalpazione del seno deve essere eseguita una volta al mese, in modo che ogni donna impari a conoscere la struttura fisiologica del suo seno e possa notare ogni alterazione.
E’ importante che l’autopalpazione sia eseguita correttamente e sempre nello stesso periodo. Le donne in età fertile possono eseguirla alcuni giorni dopo il termine del ciclo mestruale, quando la mammella è meno tesa e dolente. Le donne in menopausa o in gravidanza possono eseguirla il primo giorno di ogni mese (un giorno fisso che sia facile da ricordare).

LE ALTERAZIONI DA RICERCARE DURANTE L’AUTOPALPAZIONE SONO:

1) la comparsa di un nodo o di un addensamento nella mammella o nel cavo ascellare
2) una variazione di dimensione, di forma o un’asimmetria delle mammelle
3) una tumefazione della mammella
4) qualsiasi alterazione cutanea, quale una retrazione od una irritazione
5) arrossamento o desquamazione del capezzolo o della cute mammaria
6) secrezione ematica o siero-ematica dal capezzolo
7) dolore od aumentata sensibilità del capezzolo
8) retrazione del capezzolo: introflessione o rotazione in una posizione differente

Se si evidenziano una o più di queste alterazioni, è necessario rivolgersi quanto prima al senologo, per una corretta valutazione diagnostica.

Come si procede?
E’ importante guardare e sentire entrambe le mammelle ed il cavo ascellare.

  • L’ispezione (guardare)

Situatevi di fronte ad uno specchio ed osservate i vostri seni:
prima con le braccia lungo il corpo
poi con le mani pressionando la vita (questa manovra contrae il muscolo pettorale)
poi portate le braccia sopra la testa

Osserva i tuoi seni per distinguere eventuali differenze tra di loro:

-nella forma
-di grandezza
-nel contorno
(rigonfiamenti, zone dure, retrazioni del capezzolo, ecc…)
Osserva la cute per evidenziare eventuali eczemi, ulcerazioni, ecc…

  • La palpazione (sentire)

Può essere effettuata sia nella posizione eretta che nella posizione supina.
Posizione eretta: la mammella può essere esaminata anche sotto la doccia; la pelle lubrificata dal sapone rende più agevole la palpazione. Portare il braccio destro dietro la testa. Usando la mano sinistra, esaminare la mammella destra ed il cavo ascellare dello stesso lato, cercando di rilevare la presenza di eventuali nuovi nodi. Nello stesso modo, esaminare la mammella sinistra.
Posizione supina: sdraiarsi con un cuscino o un asciugamano sotto la spalla destra e portare la mano destra dietro la testa. Controllare con la mano sinistra tutta la mammella ed il cavo ascellare destro. Ripetere per l’altra mammella.
Con le tra dita centrali della mano esploratrice esaminare la mammella creando degli anelli concentrici che si chiudono in una spirale, partendo dai quadranti esterni, per terminare nell’area del capezzolo (foto sotto)

Esaminare la mammella con dei movimenti verticali, coprendo l’intera area
Esaminare la mammella “per quadranti”, con movimenti dall’interno all’esterno e viceversa

Autopalpazione della mammella: come farla nel modo giusto [VIDEO]

Quando si palpa la mammella bisogna esercitare tre differenti livelli di pressione (lieve, moderata e forte) e dei piccoli massaggi circolari.
Non sollevare le dita durante la palpazione, per evitare di non esaminare un’area. E’ preferibile eseguire l’autopalpazione in un ambiente caldo o durante la doccia, in maniera tale che il tessuto mammario sia rilassato.

Il freddo può determinare una contrazione della mammella e del capezzolo, tale da rendere difficoltoso l’esame.
Naturalmente è importante valutare l’intera mammella con la massima cura, ricordandosi però che circa la metà dei tumori insorge nei quadranti supero-esterni, in prossimità del cavo ascellare.

Circa un terzo dei tumori insorge nell’area dietro il capezzolo. E’ necessariocomprimere il capezzolo e valutare l’eventuale secrezione di liquido, che se è giallo o verdognolo può non dare preoccupazioni. Al contrario, se è scuro o francamente ematico è da segnalare al proprio curante.
Soltanto il 20% delle donne praticano l’autopalpazione al seno, bisogna renderla un’abitudine.

Giovanni XXIII InForma – Puntata 1 ” Come funziona il Robot?”

” Come funziona il Robot? Che supporto dal al medico? Quali sono i benefici per il paziente?

La Casa di Cura ha creato, con i propri medici, una rubrica di approfondimento per dare informazioni ai propri pazienti, sui servizi presenti nella struttura e sulle nuove tecniche di cura adottate.

In questa puntata ai microfoni il Dott. Crivellaro Simone, direttore del programma di chirurgia mini invasiva e del training di chirurgia robotica all’ Università dell’ Illinois a Chicago. Consulente alla Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier porterà in Italia tutta la sua esperienza sull’utilizzo del Robot in campo Urologico.

 

 

Accettare cookie per vedere il contenuto

Taglio del nastro alla GIOVANNI XXIII

Sono state inaugurate, la scorsa settimana, le nuove ‪#‎stanze‬ di osservazione per i pazienti sottoposti ad interventi ‪#‎chirurgici‬ ‪#‎ambulatoriali‬.

Questo intervento di ristrutturazione rientra tra le opere di restyling che la Casa Di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso vuole fare a tutte le camere di degenza.

Verranno ultimate infatti a breve anche 9 camere dozzinanti singole e dotate di tutti i confort.

5D3_5533 5D3_5540 5D3_5543 5D3_5552 5D3_5561-Pano 5D3_5566 5D3_5576