Chirurgia Robotica

Realtà o fantascienza? Da Settembre 2014 sotto la guida del prof. D’Annibale abbiamo attivato il reparto di #chirurgia #robotica, avvalendoci di un nuovo elemento speciale in equipe..il #Robot Da Vinci.  Dal mese di settembre 2014 la Casa di Cura Giovanni XXIII ha attivato, sotto la guida del prof. D’Annibale, il reparto di chirurgia robotica per le patologie neoplastiche e non neoplastiche endoaddominali. Il reparto si avvale del Robot Da Vinci, strumento dotato di quattro bracci robotici che svolgono funzioni diverse: tre di essi sorreggono gli strumenti necessari al chirurgo (bisturi, forbici o strumenti di elettrocauterizzazione), mentre il quarto braccio sostiene una telecamera con due obiettivi grazie alla quale il chirurgo ottiene una completa visione in 3D del campo operatorio.
 Il medico rimane quindi seduto avanti ad un pannello di controllo e, attraverso un visore binoculare, può vedere un’immagine tridimensionale della procedura mentre manovra i bracci con estrema accuratezza attraverso due pedali e due controlli manuali. Gli interventi effettuati con il Robot Da Vinci sono meno traumatici e più sicuri della chirurgia tradizionale poiché gli strumenti chirurgici e la microcamera vengono fatti passare attraverso quattro fori sottili anziché il classico taglio invasivo, ciò garantisce minori rischi di complicanze al paziente, tempi di recupero più rapidi e consente al chirurgo di operare con maggiore precisione.

Accettare cookie per vedere il contenuto